Cena a base di Hot Pot a Chongqing

L'Hot Pot di Chongqing
In Cina ciò che ha reso possibile la nascita di una grande tradizione gastronomica sono tre fattori.

Il primo il suo vasto territorio che possiede tutto ciò che esiste sotto il cielo: montagne, deserti, fertili pianure e poi vasti oceani e grandi fiumi.
Secondo una vasta popolazione che ha sempre dovuto estrarre il massimo in fatto di bontà e nutrimento da ogni briciolo di terra con grande ingegno umano di cui abbonda.
E terzo l’elite cinese, dove nascono i “gourmet” dalla fine sensibilità di palato.

In Cina il cibo è uno strumento complesso per i rituali e l’ottenimento del prestigio. Ma soprattutto è una forma d’arte coltivata da uomini che nutrono una vera passione per il cibo. Nel Sud-ovest della Cina, in particolare nel Sichuan e specie nella Municipalità di Chongqing si trova una specialità gastronomica tra le più famose, anche all’estero: l’HOT POT.

L’Hot Pot  consiste in una pentola di brodo profumato e speziato con abbondante pepe in grani e peperoncino, posizionata al centro del tavolo e mantenuta calda da un fornello sottostante.
Viene accompagnato da piatti di ingredienti crudi come carne, pesce, verdure, uova, noodles e ogni commensale, a proprio piacimento, immerge con le bacchette nel brodo fino a cottura; ovviamente non possono mancare le salse. L’Hot Pot è molto importante nella cultura cinese perché non è solo un piatto tipico ma rappresenta un momento di condivisione e convivialità.

Chongqing Hot Pot

Ci sono oltre 1000 ristoranti in Chongqing, dicono 1 ogni 10 metri, perché per i locali questa tradizione culinaria è alla base della cultura locale. I ristoratori acquistano gli ingredienti in mercati specializzati che aprono quando i ristoranti sono chiusi, cioè notte fonda. Perché il pentolone è grigliato? Un tempo lontano chi mangiava in questi ristoranti erano anche stranieri e ognuno aveva il proprio quadratino. Oggi la si usa per rendere la cottura più semplice; nel quadrato centrale, il più caldo,  vengono cotti gli ingredienti principali: trippe, intestino di oca e piccoli bocconcini di carne di maiale. Il motivo per cui venivano usati questi ingredienti fin dall’antichità era il basso costo. L’Hot Pot, inventato più di 3000 anni fa dai pescatori dei fiumi che circondano la città di Chongqing, si differenzia dalle altre regioni cinesi per l’uso del lardo di manzo. Senza questo ingrediente i locali dicono manchi di “anima”. Durante la cottura viene aggiunto del tè che tiene in equilibrio i sapori con un effetto rinfrescante. L’aggiunta delle salse a base di olio di sesamo aiuta ad abbassare il calore.

Questa pietanza è una vera e propria abitudine per i locali, una necessità e una sorta di lifestyle necessaria sia per festeggiare quando si è felici perché aggiunge felicità, sia quando si è giù di morale per lenire l’anima.

Una cena a base di Hot Pot a Chongqing è un’esperienza che non può mancare!


Condividi su: